Home > Africa > Repubblica Democratica del Congo Condividi su  

bandiera Repubblica Democratica del Congo
République Démocratique du Congo

Posizione in Africa

Confini:

Congo e Cabinda (Angola) ad OVEST
Repubblica Centrafricana a NORD
Sudan del Sud a NORD-EST
Uganda, Ruanda, Burundi e Tanzania ad EST
Angola e Zambia a SUD
Oceano Atlantico ad OVEST

Forma di governo Repubblica semi-presidenziale
Superficie 2.345.095 Km²
Popolazione 79.723.000 ab. (stime 2016)
Densità 34 ab/Km²
Capitale Kinshasa (11.380.000 ab.)
Moneta Franco congolese
Indice di sviluppo umano 0,433 (176° posto)
Lingua Francese (ufficiale), Lingala, Kingwana, Kikongo,
Tshiluba ed altri idiomi regionali
Speranza di vita M 56 anni, F 59 anni


   Noto fino al 1997 col nome di Zaire, il Congo è uno dei Paesi africani più vasti ed il cuore dell'Africa nera, vista la predominanza di gruppi etnici bantù; molti conflitti ne hanno frenato lo sviluppo, che sarebbe possibile anche per la ricchezza di risorse del sottosuolo. Il territorio è coperto in buona parte dalla foresta pluviale e ruota attorno al fiume Congo ed i suoi affluenti; nella parte orientale imponenti i massicci montuosi che culminano negli oltre 5.000 metri del Ruwenzori.


 GEOGRAFIA FISICA

   Il territorio è costituito principalmente dal bacino idrografico del Congo, una zona pianeggiante posta sui 500 metri d'altezza, corrispondente alla parte centrale e nord-occidentale del Paese, che verso sud-ovest si eleva di quota per congiungersi agli altopiani angolani; la parte più orientale ha invece una morfologia più variegata, in cui si passa da altipiani ad una serie di catene montuose, poste lungo i confini e che culminano nel Ruwenzori (5.111 m.), la terza vetta più alta dell'Africa (sul confine con l'Uganda), con poco più a sud un'altra cima abbastanza imponente, il Monte Mikeno (4.437 m.).

   La Repubblica Democratica del Congo ha anche una breve fascia costiera sull'Oceano Atlantico, appena 37 chilometri, in corrispondenza della foce del Congo, fra Angola e l'enclave di Cabinda, appartenente a questo stesso Paese.

   L'idrografia del Paese è decisamente ricca, dato che il Congo (4.320 Km) oltre ad essere il secondo fiume africano per lunghezza, occupa questa posizione a livello mondiale per quanto riguarda l'ampiezza del suo bacino (circa 4 milioni di chilometri quadrati), dopo il Rio delle Amazzoni; esso nasce nel sud-est del Paese (col nome di Lualaba), non distante dallo Zambia, scorre verso nord fino alla città di Kisangani, vira verso ovest e quindi sud-ovest per terminare la sua corsa nell'Oceano Atlantico; tutti gli altri corsi d'acqua più importanti sono affluenti o subaffluenti di questo fiume, i principali sono il Kasai (2.150 Km), che nasce in Angola e segna poi per centinaia di chilometri il confine con questo Paese, il suo affluente Sankuru (1.200 Km), l'Ubangi-Uele (2.270 Km), che nasce vicino all'Uganda e poi segna parte del confine con Repubblica Centrafricana prima e Repubblica del Congo dopo, il Lomami (1.280 Km) ed il Lukuga (320 Km), non così lungo, ma importante perchè drena le acque del Tanganica nel bacino del Congo.

   Nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo troviamo diversi bacini lacustri, tutti condivisi con uno o più Paesi, come nel caso del già citato Lago Tanganica (32.893 Km², comprese parti di Tanzania, Zambia e Burundi), secondo per dimensioni in Africa ed il più profondo (1.470 m.) in questo Continente; seguono in ordine di superficie il Lago Alberto (5.300 Km², compresa sezione ugandese), il Lago Mweru (5.120 Km², inclusa parte dello Zambia), profondo invece al massimo soltanto 5 metri, il Lago Kivu (2.700 Km² in totale, 1.550 Km² la parte congolese) ed infine il Lago Edoardo (2.325 Km² in totale, compresa parte ugandese).

   Nel Lago Kivu troviamo una delle maggiori isole lacustri africane, Idjwi (340 Km²), superata però in questo Paese da Sumba (500 Km²), la più grande fra le isole che sorgono lungo il corso del fiume Congo.

   Il clima è nel complesso di tipo equatoriale e subequatoriale allontanandosi dall'Equatore, con l'alternanza di una stagione umida ad una più secca in periodi diversi a seconda se ci si trova a nord o a sud dell'Equatore, nei pressi del quale prevalgono invece le precipitazioni; le temperature subiscono solo lievi oscillazioni nei diversi periodi dell'anno, leggermente più rilevanti nel Katanga, la regione più meridionale, che ha un clima subtropicale, ma comunque molto umido come il resto del Paese.


 GEOGRAFIA UMANA

   La Repubblica Democratica del Congo è suddivisa amministrativamente in 26 province ed ha un tasso di urbanizzazione del 43%, la capitale Kinshasa (11.380.000 ab.) è di gran lunga il centro urbano principale e la terza città africana più popolosa; superano il milione di abitanti anche Mbuji-Mayi (2.090.000 ab.), Lubumbashi (2.080.000 ab.), Kananga (1.200.000 ab.) e Kisangani (1.040.000 ab.).

   Oltre 200 diversi gruppi etnici vivono in questo Paese, la maggior parte sono di origine bantù, con Monga, Luba e Kongo che assieme ai Mangbetu-Azande, di origine camitica, costituiscono complessivamente quasi metà della popolazione; la religione cristiana è la fede più professata, con i cattolici che sono il 37% ed i protestanti il 32%; seguono i musulmani (12%), mentre il 3% pratica culti animisti ed il 4% non è religioso.


 TURISMO

   Decenni di turbolenza politica, dittatura e guerre non hanno mai fatto decollare il settore turistico, che avrebbe ottime potenzialità, specialmente in ambito naturalistico.

   Siti web turistici: Tourisme RDC Congo In Francese

    Video

Splendide immagini del Parco Nazionale di Virunga, uno degli ultimi habitat rimasti ai gorilla di montagna.