Home > Asia > Afghanistan Condividi su  
bandiera Repubblica Islamica dell'Afghanistan
Jomhuri-ye Eslami-ye Afganestan
Da Afganistan Islami Jomhoriyat

Posizione in Asia

Confini:

Pakistan ad EST e SUD
Iran ad OVEST
Cina a NORD-EST
Turkmenistan, Tagikistan e Uzbekistan a NORD

Forma di governo Repubblica presidenziale
Superficie 652.864 Km²
Popolazione 26.023.000 (stime 2014)
Densità 40 ab/Km²
Capitale Kabul (3.415.000 ab.)
Moneta Afghani
Indice di sviluppo umano 0,374 (175° posto)
Lingua Pashto, Dari (ufficiali), Uzbeco, Turkmeno
Speranza di vita M 49 anni, F 52 anni


   L'Afghanistan è uno Stato dell'Asia centrale in gran parte montuoso, senza nessuno sbocco sul mare; purtroppo è noto soprattutto per le sue vicessitudini politiche, dapprima un lungo conflitto con la Russia, poi una guerriglia interna, in seguito il regime fondamentalista dei talebani ed in questi ultimi anni è finito al centro delle azioni antiterrorismo degli USA e della NATO; tutto ciò ha portato l'Afghanistan a diventare uno dei Paesi più poveri del Mondo.


 GEOGRAFIA FISICA

   Circa l'80% del territorio afgano è montuoso, nell'estremità nord-orientale la catena del Pamir si collega a quella dell'Hindukush, che ha vette che superano i settemila metri, procedendo verso ovest e la sezione orientale dell'altopiano iranico le altitudini diventano minori; nel Paese si trovano anche zone pianeggianti e collinari, come il Khorasan a sud del fiume Amudarja ed il deserto del Rigestan a sud-ovest.

   Le principali vette afghane si trovano nell'Hindukush, il Noshaq (7.492 m.), sul confine col Pakistan, è la più alta.

   Quasi tutti i fiumi dell'Afghanistan non raggiungono il mare perchè si esauriscono in zone aride o paludose, come l'Helmand (1.300 Km), che nasce poco ad ovest di Kabul e termina il suo corso nel Sistan, al confine con l'Iran, come altri corsi d'acqua (Farah, Harut); a nord-ovest l'Harirud (1.100 Km compreso il tratto turkmeno) si esaurisce invece nel deserto del Karakum; segna a lungo il confine con il Tagikistan il Pyanj (921 Km in totale, incluso tratto tagiko), ramo sorgivo principale dell'Amudarja (2.540 Km in totale, compresi tratti turkmeno, tagiko e uzbeco), che a sua volta tocca marginalmente il Paese solo lungo i suoi confini.

   I bacini lacustri sono piuttosto scarsi e molti di origine artificiale, il maggiore è il Lago Hamun (4.000 Km² di superficie media), ubicato nel Sistan a cavallo fra Iran ed Afghanistan, che è in realtà più che altro una zona paludosa e di lagune che si riempie solo stagionalmente, grazie all'Helmand ed agli altri fiumi citati in precedenza. Il Lago Zorkul (39 Km², di cui metà circa in Tagikistan), nell'estremità nord-orientale è il più ampio bacino d'acqua dolce naturale.

   Il clima è continentale - arido ed è influenzato dall'altitudine e dall'orografia del Paese, pochissime le aree che risentono dell'influenza dei monsoni e ricevono una discreta quantità di pioggia; notevoli le differenze fra temperature invernali ed estive.


 GEOGRAFIA UMANA

   L'Afghanistan è suddiviso amministrativamente in 34 province, con gran parte della popolazione che vive in aree rurali, il tasso di urbanizzazione è infatti solo del 24%.

   La capitale Kabul (3.415.000 ab.) è l'unica grande città del Paese, gli altri tre centri urbani più popolosi, Kandahar (505.000 ab.), Herat (450.000 ab.) e Mazar-i-Sharif (379.000 ab.) si attestano infatti attorno o sotto il mezzo milione di persone.

   A livello etnico non c'è una maggiornaza assoluta, i Pashtun (40%) sono il gruppo più consistente, seguiti dai Tagiki (33%), dagli Hazara (11%) e dagli Uzbeki (9%). La religione professata dalla quasi totalità della popolazione è quella musulmana (99%), di rito sunnita nel 90% circa dei casi.


 TURISMO

   La situazione geopolitica vissuta dall'Afghanistan negli ultimi decenni non ha di certo giovato allo sviluppo del turismo, molte zone sono tuttora rischiose da visitare.

    Video

Servizio in inglese con belle immagini del Bamyan, una delle zone più sicure del Paese.