Home > Asia > Iraq Condividi su  
bandiera Repubblica d'Iraq
Al Jumhuriyah al ‘Iraqiyah

Posizione in Asia

Confini:

Turchia a NORD
Siria e Giordania ad OVEST
Arabia Saudita a SUD
Kuwait a SUD-EST
Iran ad EST
Oceano Indiano (Golfo Persico) a SUD-EST

Forma di governo Repubblica federale parlamentare
Superficie 435.052 Km²
Popolazione 31.664.000 ab. (2009)
36.005.000 ab. (stime 2014)
Densità 83 ab/Km²
Capitale Baghdad (7.215.000 ab.)
Moneta Dinaro iracheno
Indice di sviluppo umano 0,590 (131° posto)
Lingua Arabo, Curdo (entrambe ufficiali)
Speranza di vita M 67 anni, F 71 anni


   L'Iraq è balzato agli onori delle cronache più volte in questi ultimi decenni e questo purtroppo per le sue vicessitudini politiche e militari. Il territorio è in gran parte desertico e pianeggiante, tranne che nella zona montuosa settentrionale ai confini con Iran e Turchia; abbiamo inoltre un'area abbastanza fertile fra i fiumi Eufrate e Tigri, la famosa Mesopotamia, dove si concentrano gli abitanti di questa Nazione.


 GEOGRAFIA FISICA

   Se escludiamo la parte settentrionale e montuosa del Paese, corrispondente al Kurdistan, il resto dell'Iraq è pianeggiante ed in gran parte desertico, ad ovest troviamo il deserto siriaco, mentre la zona meridionale è occupata da una parte del tavolato arabico; nel mezzo troviamo comunque una vasta area fertile, la Mesopotamia. L'Iraq ha anche una cinquantina di chilometri di coste sul Golfo Persico, nella sua estremità sud-orientale.

   Le montagne del Kurdistan arrivano a quote superiori ai 3000 metri ed hanno come vetta più alta il Cheekha Dar (3.611 m.), sul confine con l'Iran.

   I due fiumi senza dubbio più importanti del Paese sono il Tigri (1.290 Km il tratto iracheno, totale 1.850 Km) e l'Eufrate (1.015 Km in Iraq, totale 2.800 Km), che da millenni garantiscono nella zona compresa fra i loro due corsi, la Mesopotamia, acqua sufficente alle coltivazioni; si uniscono a nord-ovest di Bassora per dare vita negli ultimi 190 chilometri allo Shatt al-Arab, prima di sfociare nel Golfo Persico.

   In Iraq sono presenti alcuni bacini lacustri per lo più artificiali, come il Lago Tharthar (2.710 Km²), il maggiore del Paese ed in origine un piccolo lago naturale, o il lago salato Milh (1.000 Km²), usato per regolare le piene dell'Eufrate; diverse anche le aree paludose, in particolare nel sud-est, a partire dal Khor Al Hammar, che ha una superficie a seconda del periodo fra 600 e 1.350 Km².

   Il clima è nel complesso continentale ed a causa delle scarse piogge piuttosto arido, se escludiamo la parte settentrionale dove le precipitazioni sono più abbondanti, notevole anche lo scarto fra temperature estive, che arrivano a sfiorare i 50 gradi, ed invernali.


 GEOGRAFIA UMANA

   L'Iraq è suddiviso in 19 governatorati, con un tasso di urbanizzazione che si attesta sul 69%.

   La capitale Baghdad (7.215.000 ab.) è fra le città più popolate del Medio Oriente; gli altri centri urbani principali sono Bassora (2.010.000 ab.), Mosul (1.800.000 ab.), Sulaymaniyah (1.600.000 ab.), Arbil (1.500.000 ab.) e Kirkuk (851.000 ab.).

   Gli Arabi costituscono l'85% della popolazione, i Curdi il 10%, le minoranze più significative sono quella Assira e quella Turkmena; circa 2 milioni di iracheni sono espatriati in questi ultimi anni a causa della guerra. La religione musulmana è di gran lunga la più professata, con il 97% di fedeli nel Paese; il cristianesimo raggiunge invece il 2%.


 TURISMO

   Per il momento l'Iraq è una destinazione da evitare; la sua ricca storia lo potrà far diventare in futuro una delle mete più interessanti del Medio Oriente.

    Video

Le bellezze naturali nel nord del Paese, nella regione del Kurdistan.