Home > Africa > Tanzania Condividi su  

bandiera Repubblica Unita di Tanzania
United Republic of Tanzania
Jamhuri Ya Muungano wa Tanzania

Posizione in Africa

Confini:

Kenya e Uganda a NORD
Ruanda e Burundi a NORD-OVEST
Repubblica Democratica del Congo a OVEST
Zambia a SUD-OVEST
Malawi e Mozambico a SUD
Oceano Indiano ad EST

Forma di governo Repubblica presidenziale
Superficie 942.000 Km²
Popolazione 44.929.000 ab. (censimento 2012)
50.470.000 ab. (stime 2016)
Densità 54 ab/Km²
Capitale Dodoma (415.000 ab.)
Moneta Scellino della Tanzania
Indice di sviluppo umano 0,521 (151° posto)
Lingua Inglese, Swahili (entrambe ufficiali), idiomi regionali
Speranza di vita M 60 anni, F 63 anni


   La Tanzania (nome derivato dall'unione di Tanganica e Zanzibar) si trova nell'Africa centro-orientale a sud del Kenya ed è bagnata dall'Oceano Indiano ad est. La maggior parte del territorio del Paese consiste in un altopiano situato fra i 1.000 ed i 1.400 metri d'altezza, non mancano le pianure lungo la fascia costiera e verso il Mozambico, ma anche alte montagne, fra cui spicca il Kilimangiaro, la cima più alta di tutta l'Africa.


Nota   
La Tanzania reclama la parte nord-orientale del Lago Malawi (5.600 Km²), fino al confine col Mozambico; attualmente l'area settentrionale del lago appartiene interamente al Malawi.
 

 GEOGRAFIA FISICA

   Il territorio è in prevalenza montuoso, con l'altitudine media del Paese che si attesta poco sopra i 1.000 metri; la fascia costiera pianeggiante è abbastanza stretta a nord e sud, mentre si allarga nella parte centrale della Tanzania; l'area centro-occidentale è caratterizzata da un vasto altopiano, contornato da varie catene e massicci montuosi, specialmente verso i confini con Kenya e Zambia ed a ridosso del Lago Malawi.

   La Tanzania è attraversata dalla Rift Valley ed ha nel suo territorio alcune delle montagne più maestose ed imponenti dell'Africa, a cominciare dal Kilimangiaro (5.895 m.), massima vetta continentale e la cui sommità si trova ad una ventina di chilometri dal confine col Kenya, nella stessa zona troviamo poi il Monte Meru (4.566 m.), uno stratovulcano ancora attivo; le maggiori cime nella parte sud-occidentale del Paese raggiungono invece altezze di poco inferiori ai 3.000 metri.

   Lo sviluppo costiero della Tanzania sull'Oceano Indiano è di 1.425 chilometri, questo anche per la presenza di diverse isole, per la maggior parte raggruppate nell'arcipelago di Zanzibar, le maggiori sono Unguja (1.666 Km²), più nota con il nome di Zanzibar, Pemba (988 Km²) e Mafia (518 Km²); numerose inoltre le isole nel Lago Vittoria, a partire da Ukerewe (647 Km²), la maggiore isola lacustre dell'Africa ed una delle più estese anche a livello mondiale.

   In Tanzania si trovano i tre maggiori bacini lacustri della regione dei Grandi Laghi Africani, innanzitutto il Lago Vittoria (68.800 Km² in totale, 34.900 Km² la parte tanzaniana), che appartiene per poco più di metà della sua superficie a questo Paese ed è il più ampio di tutto il Continente, oltre che il terzo del Pianeta; nella parte più occidentale abbiamo poi il Tanganica (32.893 Km², di cui 13.400 Km² in Tanzania), bacino dalla forma stretta e molto allungata e superato solo dal Bajkal per profondità massima raggiunta (1.470 metri), esso si trova al secondo posto nella graduatoria dei laghi africani ed al sesto in quella mondiale; del terzo di questi laghi, il Malawi (30.044 Km²), la Tanzania non ha invece nessun metro quadrato, ma le appartiene solo il territorio antistante per circa 300 chilometri di coste; altri due importanti laghi si trovano poi interamente in Tanzania, si tratta di Rukwa (2.800 Km²) ed Eyasi (1.000 Km²), entrambi di tipo alcalino e senza emissari, il secondo è inoltre salino e la sua superficie varia molto in rapporto alle stagioni.

   Il Paese è abbastanza ricco d'acque e nella sua parte nord-occidentale scorre per un tratto il Kagera (690 Km in totale), il ramo sorgentifero più remoto del Nilo (6.850 Km), il più lungo fiume del Pianeta e dell'Africa; gli altri corsi d'acqua più importanti sono il Ruvuma (800 Km), che segna la quasi totalità del confine con il Mozambico, il Rufiji (600 Km) ed il suo maggior affluente, il Great Ruaha (475 Km), per quanto riguarda i fiumi che sfociano nell'Oceano Indiano, il Malagarasi (475 Km), fra quelli che si immettono nei Grandi Laghi (Tanganica in questo caso).

   I due fattori principali che influenzano il clima della Tanzania sono l'Oceano Indiano, che determina la presenza di due distinte stagioni in buona parte del Paese, esclusa la fascia equatoriale settentrionale, e l'altitudine di buona parte del territorio, dove le caratteristiche tropicali tipiche della fascia costiera risultano temperate, anche per il minor influsso oceanico, con una fascia che va da nord-est a sud-ovest che risulta semi-arida; le temperature sono piuttosto alte lungo la fascia costiera ed a ridosso dell'Equatore, mentre scendono di qualche grado sull'altopiano più secco e fresco, in genere differiscono di pochissimi gradi fra i mesi più caldi e quelli più freddi; le precipitazioni maggiori si registrano nella parte nord-occidentale del Paese, dove piove tutto l'anno, al contrario delle altre zone soggette al monsone e che vedono un periodo umido di qualche mese fra Ottobre e Maggio a seconda della zona ed uno secco nei restanti mesi dell'anno.


 GEOGRAFIA UMANA

   La Tanzania è suddivisa amministrativamente in 30 regioni ed ha un tasso di urbanizzazione piuttosto basso del 32%. Nel Paese è presente una metropoli, l'ex-capitale Dar es Salaam (4.460.000 ab.), tuttora centro economico e commerciale della Tanzania, oltre a due città nella fascia fra mezzo milione ed il milione di abitanti, Mwanza (880.000 ab.), sulle sponde del Lago Vittoria e Zanzibar (660.000 ab.), sull'omonima isola; seguono per numero di abitanti Arusha (420.000 ab.) e la capitale Dodoma (415.000 ab.).

   La composizione etnica della popolazione è molto variegata visto che si contano oltre 130 gruppi etnici africani differenti, quasi tutti bantu (95%), con il restante 4% costituito da altri africani e meno dell'1% da asiatici, europei ed arabi, quest'ultimi presenti soprattutto nell'arcipelago di Zanzibar, anche se in misura decisamente minore rispetto a qualche decennio fa.

   Il cristianesimo (61,5%) è la religione più professata, con il resto degli abitanti in gran parte musulmano (35%).


 TURISMO

   Il turismo è un settore dalle grandi potenzialità, finora non sfruttate in pieno; la Tanzania può infatti contare su una gran varietà di paesaggi, dalle spiagge oceaniche alle grandi savane, in parte protette da parchi nazionali e ricche di fauna selvatica, oltre che su una cultura molto variegata e caratteristica.

   Siti web turistici: Tanzania Tourism In Inglese

    Fotografie (clicca per ingrandire)

Kilimangiaro Zanzibar Serengeti
KilimangiaroZanzibarSerengeti

    Video

Una serie di splendide immagini aeree del Parco Naturale del Serengeti.